Parma 2020: strumenti

Il Piano strategico nazionale del turismo – PST individua come princìpi trasversali sostenibilità, innovazione e accessibilità/permeabilità dei territori, giocati con decisione sul binomio cultura-turismo.

Il Piano di comunicazione e marketing si svilupperà in coerenza con il PST, lavorando sulle strategie intersettoriali e gli strumenti digitali, ampliando la sua azione ad una dimensione di aria vasta:

  • un rinnovato modello di valorizzazione integrata delle risorse culturali, turistiche ed ambientali, che rafforzi la specificità territoriale;

  • la dotazione di servizi e strumenti multicanale per l’accrescimento dell’accessibilità alle risorse turistico-culturali, progettati per target di pubblico differenziati per età, condizione fisica, cultura e religione, pensati per essere implementati dal basso e dotati di un sistema di monitoraggio e valutazione che ne permetta il miglioramento continuo;

  • il rafforzamento della sostenibilità del turismo, nelle sue diverse accezioni relative a cultura e ambiente, territorio e salvaguardia del patrimonio;

  • la promozione di competenze specifiche proprie della cultura e del turismo 4.0 da sviluppare attraverso formazione, laboratori e simulazioni destinati sia alla PA locale dei settori turismo e cultura, sia al sistema privato dell’accoglienza, anche attraverso il coinvolgimento nei nuovi percorsi e itinerari;

  • il rafforzamento dei binomi cultura – business e cultura – food nel brand Parma, anche attraverso la presenza a manifestazioni fieristiche internazionali, tra cui l’Expo a Dubai 2020.

Parma 2020 sarà anche un cantiere per la creazione di competenze nel campo della comunicazione, tramite una Web Radio e un Web Journal in collaborazione con CAPAS, Centro per le attività e le professioni delle arti e dello spettacolo dell’Università di Parma. ParmAteneo e RadiorEvolution saranno in prima linea con i responsabili delle due attività e il team redazionale, che nell’occasione crescerà per competenze e numero grazie ad una call rivolta al tessuto internazionale dell’Ateneo.