OPEN CALL: contaminazioni e creatività

palloncini_cielo

Parma 2020 si è posta l’obiettivo di contribuire alla stabilizzazione del sistema collaborativo pubblico-privato con particolare attenzione allo sviluppo delle imprese culturali e creative. Ciò comporta la necessità di lavorare sul rapporto domanda-offerta, attraverso azioni di ampliamento e diversificazione delle proposte, e contestualmente di sollecitazione della domanda, che deve essere rigenerata, stimolata.

Con questo principio in mente, sono state sviluppate 4 call per ridefinire il concetto di Cultura come elemento fondamentale per lo sviluppo della società. 

Temporary Signs

Temporary Signs è un progetto di riscrittura ambientale ed è una delle linee d’azione di Parma 2020 che pone in dialogo i giovani artisti con la città e il suo tessuto socio-culturale.

Riscrittura ambientale significa non solo lasciare un segno, un oggetto che si ponga in relazione con l’intorno in cui viene collocato, ma significa soprattutto ripensare il tempo e riconfigurare l’interazione, costruire a partire dall’esistente spazi relazionali che necessitano di forme di animazione portatrici di inclusione, partecipazione e rigenerazione.

Il bando è in partnership con il GAI ed è aperto ad artisti italiani under 35 che vogliano presentare progetti scultorei, installativi, performativi o di architettura temporanea da posizionare in alcuni luoghi centrali e periferici della città.

Gli artisti stessi dovranno individuare degli spazi da reinterpretare; luoghi che si trovano in quartieri periferici, luoghi storici di cui si è persa o si rischia di perdere la memoria, luoghi "nuovi" che possono diventare punto di riferimento per la comunità, luoghi dimenticati che potrebbero divenire luoghi desiderati (in questo ultimo caso è possibile individuare luoghi anche nelle zone centrali della Città).

Si intende favorire la presenza del contemporaneo nel tessuto urbano, attraverso dei temporary signs che non solo offrano inedite configurazioni di luoghi storicamente, socialmente o antropologicamente connotati, ma creeranno le condizioni per nuove forme di fruizione e nuove articolazioni di sguardo e visione.

Macro-obiettivo dell’iniziativa è che il territorio di Parma, ma anche delle città di Destinazione Emilia che intendono collaborare, si configuri come un grande parco temporaneo  d’arte contemporanea, che possa dialogare con le altre azioni sinergiche in corso di sviluppo che vanno dalla rete dei musei, alla ciclovia, al portale unico di destinazione, al calendario unico degli eventi 2020.

Creating Sustainability – Città Creative UNESCO

Una città che produce sostenibilità è senz’altro una città in grado di mettere la cultura al centro dei suoi piani.

Parma, in quanto Capitale Italiana della Cultura e Città Creativa UNESCO, si trova a dover tradurre questa realtà in politiche efficaci e in una governance urbana sostenibile. Intende quindi diventare un laboratorio dove sperimentare quali metodi e strategie sviluppaer per affrontare e superare alcune delle sfide più urgenti per lo sviluppo delle città.

In questo quadro, la call internazionale Creating Sustainability mira a:

  • individuare i modelli gestionali più innovativi concernenti lo sviluppo urbano come processo partecipato dall’ambito pubblico-privato
  • condividere le migliori pratiche in materia di inclusione sociale e le relazioni degli spazi culturali e creativi con i loro quartieri
  • contribuire a valorizzare gli spazi pubblici per la rigenerazione sociale e urbana attraverso la cultura
  • avvicinare gli spazi culturali e creativi e i decision maker
  • evidenziare la visione trasversale tra saperi e competenze.

La Call Creating Sustainability si propone di lavorare sulle buone pratiche connesse ai 7 ambiti creativi UNESCO idealmente riferibili 7 distretti socio-culturali in cui è stata immaginata Parma all’interno del Dossier di Candidatura a Capitale italiana della cultura.

La partecipazione è aperta a tutte le 180 città del Network UNESCO. Ogni città potra presentare una best practies -riferita appunto ai modelli gestionali pubblico/privato- le quali saranno poi valutate da una commissione internazionale che selezionerà una rosa di 7 attività virtuose in termini di sviluppo sostenibile delle città.

I rappresentati delle città vincitrici saranno invitati a Parma a presentare le proprie testimonianze in occasione dell’anno 2020, durante una settimana laboratoriale. Sarà questo il momento per condividere e far circolare conoscenze e compentenze sul tema dello sviluppo sostenibile, coinvolgendo anche le amministrazioni pubbliche italiane in un percorso di capacity building.

Industrie Creative Driven

Il tema dello sviluppo delle imprese culturali e creative è uno dei focus principali del programma di Parma 2020, che si è posta, tra gli altri obiettivi, quello di contribuire alla stabilizzazione del sistema collaborativo pubblico-privato. 

Tra le varie azioni che sono state dedicate all’incontro tra settore industriale e comparto culturale e creativo, la call Industrie Creative Driven è un progetto che intende portare la cultura e la creatività in azienda tramite un’azione di matching e di sviluppo di progetti «su misura» da sviluppare  come opportunità di miglioramento del brand, del tempo e dello spazio del lavoro, dei prodotti e dei servizi.

Il percorso propedeutico informativo coinvolgerà il sistema imprenditoriale e quello culturale e creativo in un primo step divulgativo denominato “Scintille”. Da un lato mirerà ad attrarre l’attenzione del sistema produttivo locale sulle opportunità di essere imprese creative driven e dall’altro stimolerà il sistema delle imprese culturali e creative ad attivarsi per proporre nuova progettualità dedicata allo specifico comparto. L’obiettivo, quindi, è di far comprendere alle imprese le potenzialità della cultura come fattore essenziale della produzione, attraverso la creazione di progetti culturali su misura che davvero si integrino con l’impresa e siano sostenibili nel tempo.

Successivamente sarà lanciata una vera e propria chiamata al management del sistema produttivo parmense, che potrà beneficiare di un percorso di accompagnamento verso l'applicazione dell'approccio creative driven alla propria azienda. I manager potranno in questo modo mettere in atto investimenti in nuovi progetti che mirino da un lato ad implementare il benessere dei propri dipendenti, dall’altro all’innovazione del proprio brand e dei loro prodotti/servizi, coinvolgendo nei loro team giovani creativi. I quali saranno coinvolti attraverso una call rivolta a tutti coloro che intendano sviluppare progetti portando le proprie capacità culturali e creative nello spazio aziendale.

Le due azioni, insieme, intendono sviluppare un percorso per cui la Cultura entri in azienda come un fattore di sviluppo in grado di generare vantaggio competitivo sostenibile.

Cultura per tutti, cultura di tutti

Cultura di tutti, cultura per tutti è l’azione del programma di Parma Capitale della Cultura 2020, che ingaggia il tema della fruizione culturale e delle azioni necessarie per permettere a tutte le categorie di pubblici di accedere al patrimonio culturale, mettendo i creativi in relazione con i musei del territorio nel progettare delle soluzioni per rendere i luoghi della cultura più aperti, godibili e comprensibili.

Il bando è in collaborazione con la Comunità dei musei di Parma e provincia -primo esempio di network museale in Italia con lo scopo di raccogliere le adesioni delle Amministrazioni e degli Enti interessati allo sviluppo di azioni comuni orientate a valorizzare il paesaggio culturale e le strutture museali come bene comune, eredità patrimoniale e risorsa primaria per l’innovazione delle politiche culturali e la produzione di benessere- e si rivolge ai creativi che vogliano presentare soluzioni per l’inclusione di quei pubblici che non dimostrano interesse nella fruizione culturale o che non vi possono accedere a causa i limiti fisici o della difficoltà di reperire informazioni.

Implementare l’accessibilità culturale vuol dire produrre delle migliorie negli approcci metodologici e/o nelle strumentazioni e infrastrutture di cui sono dotati i luoghi della cultura in modo da poter rispondere in modo congruo a tutte le possibili necessità ed esigenze del pubblico, anche quello potenziale.

Il bando, quindi, ha come obbiettivo generale l’ampliamento della fruizione museale nei musei di Parma e provincia, con un focus su delle specifiche categorie di pubblico giovani, famiglie, anziani, stranieri, residenti promuovendo

  • servizi e produzioni dedicati a musei e spazi privati – preventivamente selezionati dalla Commissione, pensati su base digitale e multiculturali, dotati di un business plan che ne dimostri la sostenibilità sul mercato nel medio periodo;
  • prodotti ispirati alle direttive del design 4all, che rendano accessibili al più ampio numero di soggetti – diversi fra loro per capacità percettive, motorie e cognitive – il patrimonio culturale diffuso.

Per lo sviluppo di Cultura per tutti, cultura di tutti sono state coinvolte le Officine on-off, un progetto innovativo per l’occupazione giovanile, un’officina che coniuga cultura, imprenditorialità e creatività per affrontare con innovazione le sfide attuali in campo sociale, culturale e ambientale.